Ultime Notizie

PASCAL D’ANGELO POETA E IDEALISTA, UNA FUGA VERSO LA LETTERATURA PER BATTERE EMARGINAZIONE E POVERTA’

0 5.607

Redazione- “Dal 1948 la Commissione per gli Scambi Culturali fra l’Italia e gli Stati Uniti gestisce un  programma di borse di studio noto come Programma Fulbright dal nome del suo ideatore Sen. J. William Fulbright. Il primo accordo tra il Governo Statunitense ed il Governo Italiano fu firmato il 18 Dicembre 1948. Il secondo accordo, ratificato con Legge 12 Giugno 1980 fu sottoscritto nel 1975. La Commissione per gli Scambi Culturali fra l’Italia e gli Stati Uniti (Atto costitutivo 18/7/1972) gode dello status di ente con personalità giuridica ed è retta da un Comitato Direttivo costituito da dodici membri: sei americani nominati dall’Ambasciatore degli Stati Uniti d’America e sei italiani nominati dal Ministro degli Affari Esteri. Il Ministro degli Affari Esteri e l’Ambasciatore degli Stati Uniti d’America sono i Presidenti onorari della Commissione. La Commissione è un ente binazionale finanziato congiuntamente dallo U.S. Department of State, Bureau of Educational and Cultural Affairs ed il Ministero degli Affari Esteri italiano, Direzione Generale per la Promozione e Cooperazione Culturale e Direzione Generale per i Paesi delle Americhe. Le attività della Commissione hanno come obiettivo il rafforzamento e l’ampliamento dello scambio culturale tra l’Italia e gli Stati Uniti”.( 1 )

E’ quanto  si legge  sulla pagina web della Commissione per gli Scambi culturali tra Italia e Stati uniti   che ha come compito specifico quello di :   promuovere opportunità di studio, ricerca ed insegnamento in Italia e negli Stati Uniti attraverso borse di studio per cittadini italiani e statunitensi (70 borse di studio ogni anno);    promuovere l’organizzazione di attività di rilievo culturale, educativo e scientifico di carattere nazionale ed internazionale;   offrire un Servizio Informazioni sulle borse di studio Fulbright e sullo studio negli Stati Uniti presso la sede di Roma e l’ufficio consolare del Governo degli Stati Uniti di Napoli;    offrire borse di studio a Università italiane e centri di ricerca attraverso il Fulbright Inter-country Program e il Fulbright Specialist program.

Un lavoro proficuo che dura tutt’oggi  in una situazione in cui ,secondo il IX Rapporto  « Italiani nel Mondo »della «Fondazione Migrantes», pubblicato nell’ottobre 2014, ci sono  95mila italiani emigrati nel 2013 in quel paese. Un dato statistico che seppure di qualche anno fa  dimostra comunque  come il flusso di emigrazione si attesta su numeri molto più elevati di quelli dell’immigrazione in Italia, che non superano il tetto dei 45mila arrivi all’anno. ( 2 ) Un lavoro che dunque   promuove opportunità di studio  e scambio culturale tra l’Italia e  in generale le Americhe  quelle del nord e del sud   in modo meritorio .

Di questo scambio e di queste attività vogliamo parlare con  riferimento  agli attuali  “studi  italoamericani” in Italia  e in particolare ad  una  storia e vicenda umana che è quella di Pascal D’Angelo ,poeta ed idealista nato ad Introdacqua ,provincia di L’Aquila il 19 gennaio 1894, emigrato negli Stati Uniti d’America nel 1910 con l’intera famiglia, morto a soli 38 anni . Un caso che può essere esaminato secondo due aspetti: letterario e sociologico ma che comunque è significativo di  quella storia dell’emigrazione  italiana nell’America. Un emigrazione che rappresentò  un vero e proprio salto della luna e che  vide uomini e donne lasciare i loro paesi,per  cercare non solo  una condizione di vita  migliore per sé ma soprattutto per i propri figli.  Si partiva per lasciarsi alle spalle  la povertà, la fatica  del lavoro nelle campagne, le rovine di qualche guerra . Molti di quegli italiani e figli di quegli italiani della prima e seconda generazione hanno  offerto le loro capacità e le loro potenzialità allo sviluppo del paese  in cui erano emigrati. Molti di quegli italiani sono ritornati  nel paese di origine e dopo lo spopolamento delle campagne hanno riacquistato i poderi che prima avevano in affitto o alla parte. Le rimesse di quegli italiani che lavoravano nelle Americhe ai loro familiari rimasti in Italia ,rappresentarono  un modo per tirare avanti e non solo. Gli americani conobbero l’Italia e l’Europa dapprima in occasione della prima guerra  mondiale ma soprattutto in occasione dello sbarco  in Sicilia, verso la fine della seconda guerra mondiale .Gli americani liberarono Napoli e poi Roma dall’occupazione nazifascista e scrissero una  pagina di storia nelle comunità del sud Italia che  videro in loro i liberatori. E negli anni successi, nel primo dopoguerra, portarono  mode ,  musiche,  spettacoli televisivi,  film,alimenti, sigarette e sigari   che segnarono il costume e la cultura  di un paese  con un processo all’incontrario : quello che era andato  verso le coste del Pacifico  tornava arricchito, trasformato,  rinnovato   fino a stabilire appunto un nuovo scambio ,  in cui le “ eccellenze italiane” rappresentano un  vero caposaldo anche oggi  negli scambi , non solo commerciali, ma anche  culturali e di costume .

Parlando del fenomeno dell’emigrazione italiana  in breve   si deve ricordare  come si sia sviluppato attraverso  ricorrenti  ondate , alcune delle quali paragonabili  a vere e proprie fughe e  attraverso   lenti  stillicidi,  lenti ma costanti. Nell’Ottocento l’arretratezza agricola spinse migliaia di lavoratori  a lasciare l’Italia alla ricerca di una vita e un futuro migliore . E’ quello che accade oggi  per frange di popolazione  di alcuni paesi dell’Africa  che fuggono appunto da  fame, guerra ,povertà,persecuzioni, carestie, siccità.. Prima dell’Unità l’emigrazione dall’Italia si rivolgeva all’interno della stessa Europa, verso paesi come Francia, Svizzera, Germania.

Dopo l’Unità il fenomeno si rivolse ai paesi oltreoceano  e si estese  fino ad un vero e proprio dissanguamento. Circa undici milioni di italiani, lasciarono il nostro paese  , attraversando gli oceani  a bordo di navi spesso malandate , allettati dagli agenti delle stesse società di navigazione che fornivano loro  un biglietto “ allo sbaraglio”. Le cronache raccontano come  da Introdacqua per esempio, il paese di Pascal D’Angelo di cui ci occuperemo  a breve, scendevano file ininterrotte di emigranti per raggiungere  Sulmona e poi il porto di  Napoli. Avevano racimolato i  denari per comprare il biglietto; avevano venduto tutto quello che possedevano. Avevano tagliati ponti materiali. Andavano a cercar fortuna in America ma portavano nel cuore e nella mente i loro paesi, le loro montagne , il loro modo di vivere e di pensare che non avrebbero però  mai abbandonato del tutto. Si avventurarono oltreoceano con vecchie navi lasciando l’Italia  con un  viaggio che durava settimane  in scomparti di prima ,seconda e terza classe. A volte interi nuclei familiari. A volte solo il capofamiglia  Per giorni e giorni sostavano  nel  porto di Napoli  e in America in quello di New York ; venivano sottoposti a visite mediche, dovevano rispettare una quarantena . La loro meta erano  i  paesi dell’ America Latina, Brasile e Argentina poiché proprio in quei territori vi era una maggiore richiesta di manodopera nelle industrie e per essere impiegati come manodopera nella coltivazione degli estesi territori di quei  Paesi . A partire dal 1890 in  Italia ci fu  un secondo flusso migratorio, denominato  new migration. Meta gli  Stati Uniti, che in quegli anni avevano bisogno di manodopera per  la loro crescita  economica  che fu,in quel periodo,  senza pari nella loro storia,

Le rimesse di quegli emigrati aiutarono l’economia italiana per l’acquisto di materie prime e per  estinguere i debiti con gli altri paesi. Sembrò in alcuni momenti che l’emigrazione fosse la soluzione per l’arretratezza delle campagne  secondo le tesi di molti politici e studiosi.  Molti   proprietari terrieri  che in un primo momento soffrirono della mancanza di manodopera  e dovettero  aumentare i salari , in un secondo momento, quando molti emigrati tornarono per acquistare terra ( che era stato il sogno per il quale erano emigrati ) riuscirono a disfarsi delle terre peggiori dei loro latifondi  ed ebbero a disposizione denaro contante per trasformare un ceto parassitario  in una borghesia  emergente,integrata con le professioni emergenti  in quel contesto societario che si andava determinando ,   favorita anche da altri  fenomeni e condizioni che qui sarebbe troppo lungo riferire  .

Con la prima Guerra mondiale il fenomeno sembrò  attenuarsi   e cessò definitivamente anche a causa delle condizioni politiche   che si  delinearono in Europa  ( nazismo, fascismo )  e per le leggi restrittive alla emigrazione che  gli Stati Uniti  posero   per cercare di controllare l’entrata di italiani e degli altri europei nel territorio americano.
Con la fine della seconda guerra mondiale , a partire dal 1945, l’ondata migratoria coinvolse l’Italia meridionale e insulare  verso paesi europei  come la Germania e la  Svizzera dove vi era una richiesta di manodopera nelle industrie metal meccaniche.  Il  flusso  migratorio  verso l’estero  cominciò a diminuire intorno agli anni Sessanta quando in Italia ci fu il   boom economico  che dette vita al fenomeno dell’emigrazione interno dai paesi del sud Italia al nord industrializzato.

In questo contesto storico  dunque i rapporti con i paesi  di arrivo di quei flussi migratori e gli scambi culturali sono stati sempre molto intensi. Producendo studi e ricerche spesso veramente interessanti . Ma anche difficoltà e caduta di interessi. Come per esempio di recente  proprio negli studi  italoamericani in Italia.

Nell’intervista al Professor Fred Gardaphé, di Michela Valmori  dell’Osservatorio Letteratura e Cultura Italoamericana  del maggio 2021  per  Strade dorate.org  alla domanda : Quali pensa possano essere le ragioni dello scarso interesse accademico per gli studi italoamericani in Italia?” Fred Gardaphè rispondeva così : “Per molto tempo, l’esperienza degli immigrati italiani in America non è stata considerata americana, e quindi non era studiata da quegli studiosi italiani che erano venuti a studiare la letteratura americana negli Stati Uniti. Come me, la loro vicinanza emotiva a quell’esperienza li tratteneva dal vederla come qualcosa che potesse essere esplorata in contesti educativi formali. Molti avevano parenti emigrati dall’Italia, e l’idea stessa di studiare qualcosa di personale in un contesto pubblico, almeno allora, non era qualcosa da poter essere fatto in ambito scolastico. Quando il movimento multiculturale cominciò a prendere piede e a guadagnare potere nell’accademia statunitense, l’attenzione andò ai gruppi etnici e razziali che erano coinvolti politicamente: l’azione politica è necessaria per poter suscitare l’attenzione culturale negli Stati Uniti, specialmente in un’economia basata sul capitalismo. Trasformare le rivoluzioni in tendenze, le rende vendibili e aumenta le opportunità per gli istigatori di vendere; trasformare precarie canzoni rap in bestseller è semplicemente il modo del capitalismo di disinnescare le sfide al potere sociale e politico. Se il mainstream, sia nelle arene commerciali che in quelle educative, non sanziona l’attenzione a qualcosa, questo non viene preso abbastanza sul serio da premiare coloro che vi prestano attenzione. È semplice.  (…)   Mi è stato detto, da intellettuali ormai istituzionalizzati, che la letteratura italo-americana non era un soggetto appropriato per uno studio accademico serio: non c’erano abbastanza studi su cui basarsi; gli scrittori non avevano raggiunto una qualità di scrittura abbastanza alta o una quantità abbastanza grande da giustificare tale lavoro. Quindi, se io, studente serio ed intenzionato a occuparmi di letteratura, ne sono stato allontanato, non mi sorprenderebbe sapere che lo stesso possa essere accaduto ad altri potenziali studiosi, in altre parti del mondo. Ma le cose stanno cambiando, man mano che sempre più giovani studiosi si stanno interessando ad aspetti della letteratura italoamericana che possa rivendicare un certo interesse. Grazie al lavoro di Francesco Durante, Martino Marazzi, e altri giornalisti e studiosi, la letteratura italoamericana è molto più disponibile per lo studente e lo studioso italiano. E grazie al lavoro di critici come Robert Viscusi, Mary Jo Bona, Anthony Julian Tamburri, Edvige Giunta e altri, quel lavoro è stato riconosciuto oggi come materia di studio. Quello a cui stiamo assistendo ora, sono studenti che si basano su quel lavoro già fatto e aprono quello studio a nuovi orizzonti, e questa è la chiave per cambiare le idee, sia dell’accademia italiana, che di quella americana, sull’utilizzabilità di tale curricolo di studio e area di ricerca. ( 3 )

E’ all’interno di questi studi che si situa però l’opera e la vita di Pascal D’Angelo  che nasce a Cauze, piccola frazione di Introdacqua (AQ), il 19 gennaio 1894  da Angelo e Annafelicia D’Angelo. Nel 1910, con il padre ed altri paesani di Introdacqua , emigra in America, dopo faticosi e umili lavori manuali si afferma come poeta e pubblica la sua autobiografia. L’idealista Pascal D’angelo muore a 38 anni  per una diagnosi e una cura forse sbagliata.  Una biografia brevissima , muore infatti ad appena 38 anni ma  piena di un intenso fervore di opere il cui Dna è rappresentato proprio da quella terra  che ha  dovuto lasciare . E anche da tutti quei sacrifici che ha dovuto affrontare , compreso lo studio per padroneggiare la lingua del nuovo paese dove è andato a vivere . Con una voglia non solo di riscatto ma di affermazione  attraverso la letteratura  che ha rappresentato per lui , come per molti altri,  una fuga dalla condizione  materiale  per sconfiggere  emarginazione e povertà che  contraddistinguono quella condizione di vita .

E’ lo stesso Pascal d’Angelo che nella sua autobiografia “Son of Italy “ ci racconta la sua Introdacqua . Il  paese natale che  si impegna da anni, a livello istituzionale, a far conoscere e valorizzare la personalità e l’opera di un suo degno figlio, il poeta e scrittore Pasquale D’Angelo. Un autore che costituisce un “caso”, come da molti è stato rilevato (cfr. G. Prezzolini, Scrittori italiani nel mondo. Voci di poeti nostri negli Stati Uniti). E come lui stesso dice, a conclusione del suo libro, Son of Italy: “mi trasformai in un caso di incredibile interesse”.

Perché Pascal d’Angelo  non accetta lo sradicamento e in una specie di  catarsi lo trasforma  proprio parlandone. Proprio riflettendo su quella che è la permanenza nel nuovo paese,  raccontandola sottoforma di autobiografia.  Come lui   affrontano questi argomenti  nella prima metà del ‘900 gli scrittori italo-americani e tra loro numerosi abruzzesi, di prima e seconda generazione, che emigrarono negli Stati Uniti.

Fra questi, Umberto Postiglione di Raiano, il molisano Arturo Giovannitti e il sulmonese Carlo Tresca, furono giornalisti e intellettuali militanti schierati per la difesa dei diritti civili e politici degli immigrati. In altri, come Pascal D’Angelo di Introdacqua, e negli scrittori neoamericani di seconda generazione, quali Pietro Di Donato, la cui famiglia proveniva da Vasto, e John Fante, proveniente da Torricella Peligna per via paterna, domina, con esiti diversi, la componente autobiografica.

Ma non solo scrittori  anche  cantanti, attori, politici Sono nati tutti in America, da genitori abruzzesi di umili origini, emigrati negli USA agli inizi dello scorso secolo con le tradizionali valigie di cartone legate con lo spago. Sono  personaggi come Perry Como, Dean Martin, Rocky Marciano, Madonna, Henry Mancini, Mario Lanza ed altri appartengono alla razza sovrana e testarda della gente d’Abruzzo.

Un elenco lungo e nutrito di talenti  come Mario Cuomo, ex Governatore dello Stato di New York, gli ex sindaci di New York Rudolph Giuliani, Vincent Impellitteri, Fiorello la Guardia, Antony Joseph Celebrizze, ex ministro degli Stati Uniti d’America, il pugile Jake La Motta, il grande campione di baseball Joe Di Maggio (consorte dell’attrice cinmematografica Marilym Monroe), i cantanti Frankie Avalon, Vic Damone, Connie Francis, Frank Sinatra, Bruce Springsteen, gli attori cinematografici Rodolfo Valentino, Anne Bancroft, Ernest Borgnine, i registi Frank Capra, Martin Scorzese, Vincent Minnelli e Francis Ford Coppola, gli altri attori di cinema Robert De Niro, Leonardo Di Caprio, Ben Gazzarra, Liza Mannelli, Al Pacino, John Travolta, Sylvester Stallone.

Ricordando questi uomini e queste donne va ancora precisato storicamente che in particolare circa 5,5 milioni di italiani sono immigrati negli Stati Uniti dal 1820 al 2004. Un numero impressionante  se vogliamo che ha  segnato la storia di due paesi. .

Il “caso Pascal D’Angelo”, secondo  Mario Setta , che lo ha ricordato in un suo scritto  recente : “  può essere analizzato secondo due aspetti: letterario e sociologico. Sotto il profilo letterario si tratta di un caso intrigante e, per molti aspetti, ancora fitto di interrogativi dalle molteplici risposte. Mario Setta si avvale per affrontare l’esame  del profilo letterario  dello scrittore italo americano  le categorie  che  Italo Calvino nelle Lezioni americane propone “ per il prossimo millennio “ tra cui la “leggerezza” come capacità di reagire al peso di vivere e come bisogno di liberarsi dalla precarietà  e dal bisogno  e la “rapidità”,la “ visibilità” e la “molteplicità “ fino  a far coincidere alcuni interrogativi di Italo Calvino con quelli di Pascal D’Angelo per superare la frontiera letteraria ed arrivare a quella sociologica . .

Infatti scrive testualmente  Mario Setta  : “ A questi interrogativi di Calvino, ecco gli interrogativi di Pascal D’Angelo, nella lettera all’editore di The Nation: «Io sono uno che arranca con fatica per emergere dal buio dell’ignoranza e portare il suo messaggio di fronte ad un pubblico, di fronte a voi. Voi la cui missione è di difendere l’immensa causa degli oppressi. Questa lettera è il grido di un’anima che si è arenata sui lidi tenebrosi lungo il suo disperato viaggio verso la luce […]» E, a conclusione dell’autobiografia, annota: «Per gli ambienti letterari mi trasformai in un caso di incredibile interesse, divenendo oggetto di grandi festeggiamenti, curiosità e attenzione. […] Ma, fra tutte, le parole più sentite e sincere che mi scaldarono il cuore, furono quelle dei miei compagni…».Queste parole conclusive riportano il “caso Pascal D’Angelo” da quello letterario a quello sociologico. Perché si tratta soprattutto di “caso sociologico”. Pascal D’Angelo, descrivendo la sua vita di emigrante, descrive la vita degli emigranti italiani negli Usa, ai primi decenni del ‘900. Nella sua vita di emarginazione, di stenti, di maltrattamenti c’è la vita delle migliaia di abruzzesi e dei milioni di italiani che emigrarono per le terre scoperte da Colombo. La sua opera non è solo una descrizione, è anche una denuncia. Non un libro politico, ma un grido di rivolta in nome dei valori umani, universali. Jean Paul Sartre, nella prefazione al libro di Frantz Fanon, I dannati della terra, ha scritto: “Le bocche s’aprirono da sole; le voci gialle e nere parlavano ancora del nostro umanesimo, ma era per rimproverarci la nostra inumanità”. Il libro di Pascal D’Angelo si pone su questo filone, che sta tra l’inchiesta e la denuncia, tra l’arte e il messaggio, tra l’intuizione e la ragione. Un’opera che può ben definirsi: “libro di vita”. Una vita che si “radica” su due terreni: Introdacqua e New-York, Càuze e Mulberry Street.

L’opera che ha fatto conoscere dunque Pascal D’Angelo oltre che  le sue raccolte di poesie è la sua autobiografia  Son of Italy  in cui  si racconta all’interno di una narrazione più ampia che per esempio  guarda al fenomeno dell’emigrazione e le sue motivazioni  di cui dice : “ La nostra gente è costretta ad emigrare, ad allargare i confini di un’esistenza stretta nella morsa di uno spazio angusto. In quelle terre ci sentiamo in trappola. Ogni centimetro appartiene a pochi privilegiati che la fanno da padroni. Col finire dell’inverno buona parte dei campi della nostra valle viene data in affitto o messa stagionalmente a disposizione dei contadini che pagano pigioni altissime a tassi d’usura, vale a dire, beneficiando solo della metà o addirittura di un quarto del raccolto, a seconda delle necessità che dipendono dal proprietario o dalle condizioni disperate del contadino in cerca di terra» (Son of Italy, p. 65) continuando  : “Cos’è allora che trae l’uomo in salvo impedendogli di rimanere schiacciato sotto il peso di quella inesauribile necessità? Il Nuovo Mondo!» (Son of Italy, p. 65).”Qui gli immigrati che arrivano dalla stessa città formano gruppi compatti tra loro, e simili ad uno sciame d’api dello stesso alveare, vanno a lavorare laddove il loro caposquadra o ‘boss’ gli trova qualcosa. Così noi che ci eravamo riuniti quasi per caso diventammo come una vera famiglia fino al giorno in cui la morte e altre calamità non ci costrinsero a separarci». (Son of Italy, p. 80)

Una vita ,quella dell’emigrato molto dura : “Ovunque era ammazzarsi di fatica…”; “Ovunque era lavoro e fatica, sotto una cappa di sole incandescente o sotto le sferzate della pioggia, lavoro e sempre lavoro: continuo e inarrestabile”.

Dice ancora Mario Setta : “ Le pagine sulla sua condizione di lavoro, sulla sua sopravvivenza precaria, sul suo disagio di vivere sono tra le più toccanti e sconvolgenti. Ma la soluzione non viene ricercata nella politica o nel sindacato. È strettamente personale: il piacere dello scrivere, del comunicare, dell’elaborare un pensiero poetico. Percy Bysshe Shelley, un poeta noto e amato da Pascal D’Angelo, ha scritto: “cibo dei poeti è l’amore e la fama”. Pascal D’Angelo ha cercato di nutrirsi di questi due alimenti. Durante la vita non c’è riuscito. Ed anche “post mortem”, purtroppo, sembra essere ancora uno sconosciuto.” (4 )

Anche se lo stesso Pascal D’Angelo ha pensato qualche volta alla sua morte, al dopo ,lasciando per esempio questa specie di testamento :

A un poeta morto

Il Sole si erge in silenzio come un immenso emblema di splendore

Che custodisce i segreti dell’Eternità.

Per il suo sfavillante splendore,

I tuoi occhi erano come degli stupefacenti cieli popolati da spiriti felici;

E ora – e ora sono volati con il loro carico di bellezza

Oltre il gigantesco sigillo luminoso.

Cos’eri tu se non un sogno, un soave sogno

Nei piani del tuo triste destino?

Il Bruto si è destato e tu sei sparito

Nei sentieri dei sogni

Oltre la luce.

E ora devi ignorare eternamente

Il melodioso richiamo della primavera.

Pascal D’Angelo

To a Dead Poet

The Sun stands aloof like a giant sigil of splendor

Scaling the secrets of Eternity.

Before its baffling brilliance,

Your eyes were like strange heavens peopled with souls of smiles;

And now-and now they have flown with their burden of loveliness

Beyond the giant seal of light.

What were you but a dream-a gentle dream

In the thoughts of your sleeping fate?

The Brute has awakened and you have vanished

Into the pathways of dreams

Beyond the light.

And now you must disobey forever

The sweet trumpet call of Spring.

Pascal D’Angelo    ( 5 )

Della sua esperienza di lavoro Pascal D’Angelo scrive in Son of Italy : “”Proprio in quel momento, mentre esitavo, sentii una mano posarsi sulla mia spalla non con violenza ma con delicatezza. Mi girai di soprassalto. Era il vecchio Michele che sta sotto un altro caposquadra. Anche lui era abruzzese, ma proveniva dalla radiosa riviera adriatica, dove limoneti ed aranceti crescono proprio in cima alle scogliere a strapiombo sul mare. Non aveva logorato la giovane virilità in questo incessante lavoro squallido e nella degradazione tra gente estranea. I suoi occhi erano lucenti come se in essi stessero ancora palpitando le speranze di gioventù. Ora però era vecchio e gli piaceva bere.

Mi chiamò per nome: “E dove stai andando, ragazzo?” Era una persona intelligente e parlava un ottimo italiano. Aveva lavorato nella nostra squadra per una settimana, citando spesso Dante che pensavo fosse un antico re. Ma ora, ormai vecchio, i capisquadra lo assumevano più per pietà che per altro e perché poteva discorrere così piacevolmente con loro.” (Pascal D’Angelo. Son of Italy, Torre dei Nolfi, Qualevita, 2003. Pag. 140.)

“Memoria”, poesia di Pascal D’Angelo, fu trovata dopo la sua morte tra le sue carte nella piccola stanza, a Brooklyn, che aveva ospitato il poeta negli ultimi anni della sua vita.

“Memory” è il profondo ricordo ancestrale del luogo natio, dei pini neri, delle montagne, delle sensazioni umane infantili che non ti lasciano. E’ l’inno alla vita senza nostalgia.

La poesia “Memory” fu scritta su un foglietto di carta con la macchina da scrivere regalatagli dalla scrittrice Mary Austin nel 1922.

Pascal annotò sul foglio a futura memoria: “da non vendere”. Mi piace pensare che Pascal volesse conservare per sé il suo intimo ricordo dei pini e delle montagne di Introdacqua perché era la sua essenza vitale.

Infatti il  13 marzo 1932  muore Pascal D’Angelo, the pick and shovel poet. Il 10 marzo1932  accusa  dolori addominali nella sua “austera stanzetta” al No 98 16th Street di Brooklyn. Solo il 12 marzo dopo l’arrivo di un medico viene accompagnato al Kings Country Hospital di Brooklyn, ma la sua sofferenza fisica viene scambiata per alcoolismo.

In Ospedale prima di morire, le sue ultime parole ad una vicina di casa sono: – Nella mia stanza ci sono alcuni libri della biblioteca, da restituire.

Muore il 13 marzo, per una occlusione intestinale..

Lou Wylie, William Weaver, Clarence Browning Smith, amici ed estimatori del poeta, organizzano il suo funerale al St. Rocco R.C. Church, 27th Street di Brooklyn. Officia il Rev. Thomas Sala; Victor Santilli, sarto musicista di Introdacqua, suona “Taps” (Silenzio) e Garibaldi Lapolla, scrittore e preside di scuole pubbliche di Brooklyn, recita la poesia di D’Angelo “To a Dead poet”. Sono presenti numerosi italoamericani ed americani.

Viene seppellito al St. John Cemetery di Brooklyn. Una scolaresca della Knox School di Coopertown (NY) dona la lapide di granito che viene posta sulla sua tomba.

Gli amici per ricordarlo istituiscono la D’Angelo Society che per alcuni anni premia giovani poeti delle scuole di Brooklyn.

Su facebook ci sono due pagine dedicate a Pascal D’Angelo . La prima viene curata proprio dalla fondazione Pascal D’Angelo, la seconda  che si richiama alla sua emigrazione e ha come titolo : “Pascal D’Angelo  poeta da Introdacqua a New York “viene curata dal Centro studi  intitolato a suo nome e nato a Introdacqua .

Sulla pagina facebook della Fondazione Pascal D’Angelo, molto attiva nel ricordare tutte le iniziative  a distanza ormai di alcuni decenni dalla morte del giovane emigrato introdacquese in America , della sua lotta contro l’emarginazione e la povertà, si  possono leggere documenti e interventi  sulla sua vita e sui suoi  ideali .

Concludo questo ricordo di Pascal D’Angelo proprio con una sua frase  evocativa, forte, piena di speranza, ,vitale come fu  il suo impegno e la sua lotta  dalla sua autobiografia  “Son of Italy “ : “Noi gente delle montagne abruzzesi apparteniamo ad un’altra genìa. Gli abitanti delle dolci pianure del Lazio e della Puglia, nostri pascoli invernali, ci considerano poeti e veggenti. Crediamo nei sogni” E sogno fu la vita di Pascal D’Angelo che ho voluto riportare all’attenzione attraverso i numerosi contributi dai quali ho tratto le informazioni, comprese quelle sull’emigrazione italiana, i cui autori e i siti  e le pagine web che li hanno pubblicati compreso  quelli che per qualche svista ho omesso di citare . Ringrazio  tutti e  in particolare Mario Setta che  della lettura di “Son of Italy” ha esposto una articolata e  documentata sintesi  attraverso passi antologici che ho usato anche in questa ricostruzione.

 ( 1 ) http://www.fulbright.it/la-commissione-fulbright/

( 2  )Cfr. Fuga all’estero per lavoro, gli emigrati italiani sono il doppio degli stranieri che arrivano «La Stampa», 7 ottobre 2014

( 3 ) http://www.stradedorate.org/2021/05/17/il-complicato-riconoscimento-critico-della-letteratura-italoamericana-intervista-a-fred-gardaphe/?fbclid=IwAR1SiJQDWW1qniM09mgyOax2W4H9lNH2gtD3eCwPs1bY40ghvZbdAcDOk4w

(4)  (A cura di Mario Setta) https://www.abruzzonews.eu/il-caso-pascal-dangelo-525683.html

( 5)  Poesia di Pascal D’Angelo pubblicata nel dicembre del 1922 e letta al suo funerale da Garibaldi LaPolla.

Commenti

commenti