Ultime Notizie

LA PREZIOSITA’ DELL’UMANITA’: RICORDO DI ROBIN WILLIAMS-DOTT.SSA ALESSANDRA DELLA QUERCIA

0 5.218


 

Redazione- In una realtà spesso disattenta, indifferente, pressappochista e opportunista spicca straordinariamente chi possiede una qualità comune, ma al contempo non così frequente da riscontrare, quindi preziosa: l’Umanità. L’Umanità, che scelgo di scrivere con la U maiuscola per il profondo valore che ha, è calore, accoglienza, comprensione, cura, Anima.

L’Umanità è cosa nobile, comprende la forza e la fragilità, che non sono altro che due facce della stessa medaglia: per essere forti bisogna convivere con i propri punti deboli e affrontarli, non facendosi atterrare e sconfiggere da essi. D’altronde, come ribadivano anche i Sumeri dalla notte dei tempi in un loro famoso motto: “la paura guardata in faccia si trasforma in coraggio, la paura evitata diventa timore… panico”. 

L’Umanità è una carezza al cuore, è uno sguardo intriso di emozione e vicinanza, è una presenza solida e infrangibile.

L’Umanità è Essere ed Esserci, concretamente e non aleatoriamente. Si tratta di una caratteristica tanto démodé quanto inestimabile, è pura rugiada nell’aridità di tempi semi-desertici.

Ci sono vari esempi famosi di Umanità, ma oggi omaggio una grandissima figura del cinema internazionale: l’indimenticabile Robin Williams.

Eclettico, estroso, originale, talentuoso, spumeggiante, intelligentissimo, amabile, con quegli occhi dolci e vispi e quel sorriso luminoso che dispensava sempre a grandi mani. Nessuno poteva immaginare che dietro quella sua apparenza così positiva e ottimista, si celasse un intimo in continuo subbuglio e una profonda depressione che l’ha portato quel maledetto 11 agosto del 2014 a togliersi la vita, che lui così visceralmente amava e che esaltava in ogni film in cui interpretava quei ruoli a cui in tanti ci siamo affezionati e che ricordiamo con commozione. La sua generosità aveva dell’inverosimile, sino all’ultimo ha pensato al prossimo e s’è preoccupato di devolvere in beneficienza i propri diritti di immagine ad una fondazione creata ad hoc, la Windfall Foundation, che potrà disporre dell’uso degli stessi fino al 2039.

Ho adorato di lui la sua parte di professore nell’Attimo Fuggente, che, in base al mio gusto personale, è una pietra miliare del mondo cinematografico. Accompagno, però, all’articolo una scena presa da un altro suo riuscitissimo film “Patch Adams” che mostra in modo efficace il suo cuore immenso e il suo essere ironico e spiritoso, e al contempo, serio e struggente.

Buona Visione!

 

 

Commenti

commenti