Ultime Notizie

GLI ESPERTI DI VALUTA AVVISANO: AL VIA UNA NUOVA FASE DI DEBOLEZZA DELL’EURO RISPETTO ALL’ DOLLARO

5.742

Redazione-Continua la fase di oscillazione nel cambio tra Euro e Dollaro in questi giorni dopo la crisi iraniana, la firma dell’accordo sui dazi tra gli Stati Uniti e la Cina e la crisi libica. Tutti insieme, questi fattori, hanno portato ad un forte indebolimento dell’Euro rispetto al Dollaro americano che , se all’ inizio era quotato  1,115, ora si attesta ad 1,111. Ci si avvia, quindi secondo gli esperti, verso una costante fase di debolezza che potrebbe perdurare a lungo nei prossimi mesi. Per gli analisti, dunque, nonostante il probabile verificarsi di nuovi rischi nel medio periodo, la quotazione dell’euro/dollaro, quest’anno, è improbabile che possa scendere al di sotto dell’1,065.Tuttavia, il primo trimestre del 2020 dovrebbe vedere, secondo il punto di vista di altri specialisti del settore, un nuovo rialzo dell’euro che si dovrebbe attestare intorno a 1,12 nei confronti della divisa americana.E ciò, sarebbe dovuto ad un buon miglioramento  del “sentimento globale” e ad una nuova fase di stabilizzazione economica nell’eurozona. Le previsioni del secondo trimestre del 2020 non si discostano, poi di tanto, da quelle del primo: il rafforzamento e la crescita del settore  manifatturiero e una Brexit più ordinata assicureranno alla divisa europea una stabilità duratura che spazzerà via tutte le incertezze e i dubbi del passato. Secondo questa ultima supposizione, l’euro continuerà, sempre di più, a rafforzarsi nei confronti del dollaro balzando a quota 1,14 per proseguire anche oltre. Chi avranno ragione? I Ribassisti o i Rialzisti? Difficile da dire perché il mercato valutario è, di per se, quasi sempre volubile e fare pronostici esatti è alquanto difficile. Un buon consiglio che è possibile dare agli investitori è quello di analizzare attentamente, al momento di prendere le opportune decisioni, tutte le variabili presenti in un determinato momento nel mercato con un occhio

sempre attento ai fondamentali economici.

Commenti

commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.