Ultime Notizie

METAMORFOSI E TRASFORMAZIONE COME IPOTESI DI CAMBIAMENTO

6.293

Redazione- Le figure retoriche, oggi possono essere considerate “ schemi deprivati di senso” in cui inserire le parole: “ donne,  cavallier, l’arme ed amori” (primo canto dell’Orlando Furioso di Ariosto)o parole rigorose su cui soffermarsi?

E’ risaputo che le culture umane sono in permanente evoluzione e la velocità del cambiamento  che è in relazione alla celerità delle trasformazioni tecniche e all’intensità ed estensione della comunicazione  ( con l’ansia generata dalla sua intensità e dall’esigenza di farvi fronte) rappresenti uno degli argomenti cardine dell’analisi socio psicologica.

Gia’ la legge dei tre stadi di A. Comte era dominata dall’esigenza di recuperare l’equilibrio fra ordine e progresso, (alterato dalla Rivoluzione del 1789) mentre  K. Marx individuava nelle trasformazioni produttive e nella formazione di un nuovo profilo di classe, proprio della società industriale, l’origine del mutamento. È persino possibile distinguere fra una scuola di pensiero dicotomica che concepisce il mutamento come approdo di un processo la cui origine è storicamente individuabile ed indirizzi ispirati all’antica teoria ciclica (di cui si troverebbe un’eco nello stesso V. Pareto) o alla filosofia dei corsi e ricorsi  di Vico.

Una continua  ricerca di paradigmi teorici capaci di spiegarne le cause, le condizioni e le forme ricorrenti del mutamento in realtà sociali quanto mai eterogenee,  che assume connotati di una visione critica e problematica del diverso.

Un mutamento, per intenderci,  che non conduce tra varie dimensioni esistenti  di un multiverso, o di una realtà

mitica o simbolica, cercata in un viaggio di “esplorazione personale”, proprio quando l’ordinario viaggio della vita sembra inutile.

Ma il privilegio di scoprire ciò che si cela nelle pieghe del tempo e dello spazio,  puo’ condurre alla  terribile solitudine cui è condannato colui che torna indietro dopo aver ammirato altri orizzonti, chi è uscito dalla caverna di Platone, chi ha osato con le ali di Icaro , chi ha immaginato un oltre ed un altrove possibile..

Chi  osa abbandonare le rassicuranti certezze legate alla personalità con la  vita, il  passato e il  futuro; ovvero dall’esperienza sino al timore della morte.

Ho sempre ritenuto che molte delle persone che incontro “ individui con patologie psichiche” siano ( come dice Jasper), viandanti di senso che hanno smarrito il significato del cammino o hanno in frantumi il sestante che li conduce.

E  quando si finisce per “delirare” non altro si fa’ che trovare riparo a qualcosa che si è frantumato e non ricorda piu’ quale fosse la forma iniziale.

Conversioni isteriche, dismorfofobie, transgender, sindrome di capgras, crisi pantoplasiche, non sono forse tentativi di ritrovarsi?

Ritrovarsi chiamandosi a squarciagola, perdendosi per paura, trasformandosi per celarsi, credere ad una altra realta’.Ma la tautologia si sa’ rassicura e allora è piu’ semplice curare che comprendere.Spesso ripenso alla metamorfosi di Kafka quando nell’involuzione/evoluzione di alcuni se’, l’alterita’ sociale scompare, si ritira, si difende e teme di essere quasi contaminata da possibilita’ trasformative.Mi chiedo cosa richiama alla trasformazione coloro che la attuano e cosa respinge negli spettatori.Perche’ alcuni adolescenti abbandonano il ciclo vitale canonico di evoluzione e decidono di trasformare le loro esistenze in una esperienza di morte credendo che diventeranno altro?Perche’ assistiamo perplessi ed immobili, cosa ci toccano delle nostre profondita’?L’onnivora e pervasiva pulsione ad abusare di tutto cio’ che vagamente possa trasformare ( dalle chetamine alle polveri di cannabinoide) non e’ forse un tentativo doloroso e solitario di provare a trasformarsi in qualcosa che assomigli al proprio se’ autentico.

Qualcosa che assertivamente cerchi di far coincidere quel che si sente con quel che si agisce

Commenti

commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.