Ultime Notizie

LETTERA DI UN MASSONE AL PAPA (PIO XI)

0 6.802

1938- 15 Settembre

Il fratello Albert Lantoine  pubblica “Lettera di un massone al Papa”

Redazione- Beatissimo Padre, Sono un massone di Rito Scozzese. Voglio precisare questo particolarmente importante . Ed è come massone che Vi scrivo, ma a titolo personale. La Potenza alla quale appartengo non impone dei doveri ufficiali ai suoi membri, anzi reputa motivo di onore rispettare la loro libertà di pensiero. Insisto pertanto su questo particolare: Vi indirizzo questa lettera non nella qualità di membro del Supremo Consiglio di Francia, ma sotto la mia personale responsabilità. Me ne ha dato lo spunto soprattutto un pensiero di Renan. Questo: “E’ un vero peccato che un uomo della cultura ed un prete, che hanno in comune il gusto delle cose spirituali ed, in genere, delle alte istanze sociali e morali, debbano trovarsi separati dall’invalicabile ostacolo del loro credo”. Si, è un vero peccato, ma è una realtà e noi non possiamo farci niente. Questo ostacolo c’è e resterà sempre, invalicabile. Esso ha dato vita a tanti gesti di ostilità e dalla Vostra e dalla nostra parte. Ora il problema è di sapere se, di fronte al comune pericolo che ci minaccia, non sia oggi il caso di mettere la sordina ai toni in cui esprimiamo il nostro dissenso. Santità, Nel corso dei secoli noi ci siam dati battaglia. Gli Imperi si sono serviti di Voi per affermare il loro dominio e Voi non avete per nulla protestato, per il semplice fatto che questi imperi si facevan forti della Vostra investitura. Lo so bene: sono state chiese nazionali- Il Gallicanismo per esempio- e non la Chiesa di Roma, che assai spesso hanno commesso gli esecrabili errori di cui le pagine della storia permangono ancora  insanguinate. Lo so bene: senza Filippo di Spagna e senza Isabella la Cattolica, Torquemada non avrebbe sinistramente illuminato Madrid con le fiamme dei suoi roghi. Lo so bene: la revoca dell’Editto di Nantes non fu approvata dal Sommo Pontefice. Ma lo Spirituale non ha fatto echeggiare, al di sopra dei troni dei Re, il suo grido di disapprovazione! Pe questo Esso, compromesso col Temporale, porta ancora pesantemente, di fronte ai popoli, il fardello della sua responsabilità| Presso di noi l’identico fenomeno. La Massoneria è uscita dal castello incantato in cui, i suoi fondatori l’avevano voluta collocare, per mescolarsi alle vacue esercitazioni degli istrioni e dei battistrada….E da ben due secoli i nostri due campi non hanno smesso di scambiarsi colpi bassi tra le barricate….Che cosa abbiamo noi guadagnato in questa guerra  senza quartiere che ci siam fatta? Che cosa abbiamo guadagnato? Ci siamo vicendevolmente sminuiti…..Che cosa abbiamo guadagnato con i nostri dissensi? Far perdere alle folle il rispetto e l’amore per coloro che volevano consolare dell’umano vivere! Ed ai nostri giorni quando la religione e filosofia sono ugualmente sospette, è il materialismo che maschera la sua miseria con i suoi voluttuosi miraggi. Gli adoratori di feticci gabbano la sete  di felicità con ebbrezze adulterate. 2 il trionfo degli empirici che guariscono i mali con la stregoneria della parola. Le superstizioni, che noi ugualmente avremmo voluto distruggere, rispuntano tra gli spiriti incolti come i funghi velenosi in un terreno abbandonato. La magia è in auge. Nelle feste popolari le tende delle pitonesse fanno lauta concorrenza alle baracche dei saltimbanchi. Gli astrologi rispolverano i vecchi libri di magia per addolcire di menzogna gli animi; le fattucchiere fanno scuola. Tutti questi sacerdoti del presagio, sono essi stessi il presagio di un mondo che puzza di morte. Allignano sul cadavere della società d’oggi come Giovenale li vedeva pullulare su Roma imperiale in decomposizione…. Conclusione Certi spiriti diffidenti probabilmente vi diranno: “ L’nteresse della “setta” ha spinto questo massone a proporvi questa assoluzione reciproca. La “setta” si sente minacciata nella sua esistenza ed implora pertanto il vostro aiuto”. No Santità! Non c’è umiliazione nella mia richiesta, oso dire nella mia preghiera. Prima di me, altri scrittori imparziali hanno parlato così. Ascoltate ciò che disse Marc Saunier nel suo bel libro” La leggenda dei Simboli filosofici religiosi e massonici”. “La Massoneria dimenticando il significato del suo triangolo, ripete l’errore del Papato….Si erge al cospetto della Chiesa come rivale…. Così l’Una e l’Altra, prese dalla politica, ignorano i loro simboli e non pensano ad altro che a mostrarsi di denti, dimenticando di essere sorelle…Si dilaniano senza riflettere come laggiù in fondo, in quella antica isola della Città, sorge e risplende, resa bruna dal tempo, una magnifica e solenne, un Cattedrale la cui sagoma gotica racconta la leggenda di un tempo felice quando massoni e monaci, compresi dallo stesso sogno grandioso, cantavano per mezzo della pietra la gloria dell’Eterna Verità nella Eterna Scienza e nell’Eterno Amore…Allora, intuendo finalmente quanto inutile è il loro odio, Preti e Massoni “faranno la pace, e mentre i Primi, disvelando i loro Misteri, mostreranno ai saggi che la scienza moderna e la Tradizione parlano in fondo lo stesso linguaggio, gli altri, presi dal loro sogno sociale, si sforzeranno di modellare l’anima del popolo per ricostruire il grande –tempio dell’Umanità secondo le leggi immutabili di colui che i loro antenati chiamarono il Grande Architetto dell’Universo”. Anche alcuni membri del nostro Ordine la cui saggezza è rimasta al di sopra delle passioni, hanno da tempo compreso ed affermato la validità di questi postulati. Ecco ciò che nel 1845 scriveva uno dei nostri più alti dignitari, il fratello G. B. Clavel, la cui Storia della Massoneria resta tuttora opera di molto pregio. Da quest’opera è tratta questa frase che voglio collocare a conclusione di questa mia lettera, come sul frontone di una casa ultimata si colloca, ad ornamento, un mazzo di fiori purpurei.” Il Cristianesimo e la Massoneria si completano l’un l’altra e possono reciprocamente aiutarsi per la felicità del genere umano”.

Che ciascuno nella sua fede cerchi in pace la luce. (Voltaire)

Commenti

commenti