Ultime Notizie

DONNE E DIRITTI DI GENERE: SESSISMO IN POLITICA, NEI SOCIALS, NELLA VITA DI OGNI GIORNO

6.394

Redazione- “In Italia c’è un grandissimo problema di consapevolezza del sessismo”, afferma  Lorenzo Gasparrini,filosofo e attivista  nella difesa delle donne  (1)  “E’ una parola molto diffusa e inflazionata e tutti pensano di sapere cosa sia, ma purtroppo non è così”.  Da anni Gasparrini evidenza come il sessismo sia uno strumento di sopraffazione che si usa tranquillamente nel linguaggio quotidiano, spesso inconsapevolmente. “Questo non giustifica il suo uso”, ribadisce il filosofo. “Spesso usiamo frasi sessiste senza nemmeno renderci conto di quale forza agiamo, di quale leva pericolosa stiamo attivando”. Infatti, secondo Lorenzo Gasparrini, è facile essere agenti inconsapevoli di sessismo, dal momento che, sin da ragazzini, impariamo che ci sono cose da maschi e cose da femmine. “Ad esempio, quando la mamma dice di non fare la femminuccia o, viceversa, il maschiaccio. Così si cresce con costruzioni monolitiche di cosa siano femminilità e mascolinità. O sei quel tipo di donna o sei sbagliata, o sei quel tipo di uomo o sei sbagliato”, conclude Lorenzo Gasparrini.

Sui social, quasi un contenuto su quattro che ha come argomento “donne e diritti di genere” offende, discrimina o incita all’odio contro le donne (o una donna in particolare).Amnisty International ha recentemente pubblicato una ricerca , la terza sui discorsi d’odio sui social media, che ha preso in analisi i contenuti relativi a  20 personaggi noti italiani, 10 donne e 10 uomini. Tra questi Chiara Ferragni, Roberto Saviano, Laura Boldrini, Tiziano Ferro, Giorgia Meloni, Gad Lerner, Vladimir Luxuria, Saverio Tommasi e altri. I risultati hanno evidenziato che quasi 1 contenuto su 4 su “donne e diritti di genere” offende, discrimina o incita all’odio contro le donne (o una donna in particolare). 1 commento sessista su 4 ha per tema le donne e i diritti di genere. I contenuti che generano più commenti sessisti, oltre a quelli su “donne e diritti di genere”, hanno per argomento principale l’influencer stesso (20,2 per cento), poi “immigrazione” (19,6 per cento) e, infine, minoranze religiose (15,5 per cento).

Il vocabolario  Treccani spiega che il sessismo  è un  :” Termine coniato nell’ambito dei movimenti femministi degli anni Sessanta del Novecento per indicare l’atteggiamento di chi (uomo o donna) tende a giustificare, promuovere o difendere l’idea dell’inferiorità del sesso femminile rispetto a quello maschile e la conseguente discriminazione operata nei confronti delle donne in campo sociopolitico, culturale, professionale, o semplicemente interpersonale; anche, con significato  più generale, tendenza a discriminare qualcuno in base al sesso di appartenenza.”

Il sessismo contro le donne nella sua forma estrema è conosciuto come misoginia , che significa “odio verso le femmine”. Tuttavia il termine sessismo viene coniato dalle femministe statunitensi verso la fine degli anni Sessanta in opposizione al termine misoginia. Laddove infatti il termine misoginia rinvia a motivazioni psicologiche, il termine sessismo (coniato sulla falsariga di razzismo), vuole sottolineare il carattere sociale e politico di questo sistema: degli argomenti di tipo biologico (il sesso per le donne, il colore della pelle per i “non-bianchi”), sono stati storicamente usati per giustificare sistemi di discriminazione, subordinazione e devalorizzazione.

E’ quello che ci offre la cronaca oggi come racconta Askanews  (2)   sfiora la misoginia : “Raffaelle Morelli, Vittorio Sgarbi e adesso anche Cesare Cremonini. Negli ultimi giorni sui social non si parla d’altro e delle loro pubbliche battute di dubbio gusto che hanno scatenato la rivolta dei follower, meritandosi le accuse di “maschilismo”, “razzismo”, “xenofobia”.

E’ proprio sui social media che messaggi di odio, sessismo e discriminazioni di solito trovano terreno fertile. Ma a leggere il dibattito e le critiche sul web, sembrano tutti scandalizzati dalle frasi e dai comportamenti degli accusati. La rete, compatta, li ha messi alla gogna e scalano la vetta dei trending topic.

Cremonini, ospite della trasmissione “E poi c’è Cattelan” su Sky, ha parlato della sua colf moldava che ha deciso di ribattezzare “Emilia”, ha raccontato, in onore del suo essere emiliano, rivendicando poi il fatto di poterla chiamare come vuole “perché la paga”. Una frase che ha scatenato una bufera di insulti, salvo poi il tentativo di salvare la situazione pubblicando un video su Instagram in cui scherza e balla con la ‘Emilia’ in questione.

Diverso il caso del noto psichiatra Raffaele Morelli e delle sue frasi sull’importanza del femminile: “Se una donna non suscita il desiderio quando esce di casa deve preoccuparsi” aveva detto a RTL. Il femminile, categoria psicoanalitica, ancorato però solo allo sguardo degli uomini. Incalzato in diretta radiofonica su Tg Zero di Radio Capital dalla scrittrice Michela Murgia su questo tema, è sbottato: “Stai Zitta!”…

Infine ciliegina sulla torta, Vittorio Sgarbi, portato via di forza dall’aula della Camera da cui era stato espulso per i gravi insulti alla magistratura e quelli, pesanti e insubbiamente sessisti, rivolti alla vicepresidente Mara Carfagna e alla deputata Giusi Bartolozzi. Parole irripetibili “i

Dunque in un tempo  ricco di casi di cronaca che narrano di  molti guasti nei comportamenti nei confronti delle donne fino ad arrivare  alla violenza fisica e all’omicidio  le  offese attraverso i social, di ingiurie vanno derubricate  a “ comportamento  misogino” che esprime ,( una patologia ma non per questo giustificabile ) ovvero   una  visione molto estremizzata dei ruoli e ogni minimo accenno delle donne di uscire da questo schema viene bloccato o ferocemente attaccato.Per questo comportamento  non  si tratta di questioni legate all’intelligenza di una persona o solo alla sua educazione, ma si tratta  di  radici  che  sprofondano nell’inconscio.

Secondo  Sigmund  Freud   l’omosessualità è la chiave del fenomeno: l’incapacità di accettare la propria libido e di nasconderla a se stessi fa scattare l’odio negli uomini che vorrebbero esser nei panni delle donne, e negli omosessuali che, non potendo ammettere apertamente il loro desiderio, finiscono con l’impersonare la volpe de “La volpe e l’uva”.

Ma non possiamo accontentarci della  spiegazione seppure  affascinante di Freud.  Il sessismo è una danno, un vulnus  alla nostra società, alla nostra vita e alle nostre relazioni .E’  un problema molto serio  che la nostra convivenza sociale  si trova  ad affrontare .  Perchè in genere, il misogino dimostra il suo odio verso le donne con comportamenti scorretti e astiosi, anche se non si escludono atti di violenza psicologica e fisica . ( che  fa pendere la bilancia   in modo estremamente negativo stando al numero di  violenze e di femminicidi  che si registrano ogni anno ) . Assume un atteggiamento di disprezzo nei confronti delle donne in modo sottile e subdolo; sottovaluta, disistima e svilisce le donne, fisicamente o psicologicamente, ritenendole inferiori e di poco contro in quanto donne, in virtù cioè del proprio sesso biologico.

Cominciamo allora  per esempio dalla lingua .  C’è una ricerca di Alma Sabatini pubblicata da Rosemberg& Sellier che affronta questo tema   dal punto di vista  del  linguaggio dei mass media e dell’editoria scolastica svolta nell’ambito della Commissione Nazionale per la realizzazione della Parità tra Uomo e Donna per raggiungere  un  obiettivo  importante : sollevare il problema del sessismo dell’italiano, individuandone le forme discriminatorie, e proporre forme alternative. La fase di denuncia è seguita da una fase propositiva. Nel fascicolo del 1986, l’autrice scrive: “In questo particolare momento in cui gli enormi cambiamenti sociali che sono avvenuti e stanno avvenendo nei ruoli dei due sessi premono per avere un riconoscimento linguistico, è importante favorirlo e aiutarlo, dando indicazioni per una liberazione da stereotipi banalizzanti e mutilanti e da segnali linguistici che rivelano e rinforzano il predominio maschile.La prima agenzia fondamentale chiamata a portare avanti questo progetto di “liberazione” dagli stereotipi sessisti dovrebbe essere la scuola e lo strumento chiave attraverso cui agire dovrebbe consistere in un ripensamento e una rivisitazione critica dei testi scolastici,”

Nella prefazione alla ricerca come dicevamo pubblicata da  Rosemberg& Sellier  “ Il sessismo nella lingua italiana “ il linguista Francesco Sabatini richiama la nota ipotesi Sapir-Whorf6 secondo cui la lingua non solo manifesta, ma anche condiziona il nostro modo di pensare: essa incorpora una visione del mondo e ce la impone. I nostri discorsi non sono ciò che un soggetto singolo in piena libertà decide di dire ma sono in parte indirizzati dalla lingua che usiamo. Si crea quindi un rapporto tra realtà, lingua e pensiero: la lingua non è il riflesso diretto dei fatti reali, ma esprime la nostra visione dei fatti; inoltre, fissandosi in certe forme, in notevole misura condiziona e guida tale visione. La lingua non può essere neutra, non è un mezzo oggettivo di trasmissione di contenuti, al contrario, essa racchiude una particolare rappresentazione del mondo che influenza il pensiero stesso dei parlanti. Il condizionamento di genere è forse quello più evidente: la discriminazione sessista e gli stereotipi di genere pervadono la lingua nella sua interezza e sono rinforzati da essa. Commenta Francesco Sabatini: “L’impostazione “androcentrica” della lingua […] riflettendo una situazione sociale storicamente situabile, induce fatalmente giudizi che sminuiscono, ridimensionano e, in definitiva, penalizzano, le posizioni che la donna è venuta oggi ad occupare”.Possiamo dunque affermare che la lingua che parliamo e le pratiche sessiste che essa incorpora sono indicatori, se non addirittura responsabili, degli stereotipi di genere presenti nella società.

Ma non basta  riferirci e fermarci alla lingua . Oltre a questo punto cruciale dell’esame del fenomeno esistono emergenze altrettanto cruciali che dimostrano  il pesante influsso sulla nostra vita di ogni giorno .

La cronaca  che si legge su riviste e giornali . Ecco per esempio un fatto di cronaca veramente sconvolgente perché trasforma un evento positivo in qualcosa di impalpabile, incontrollabile dai contorni  viscidi e oscuri. Mi riferisco  alla lettura delle cronache  sui giornali  e delle opinioni espresse  sui social dopo la liberazione di  Silvia Romano,la cooperante rapita in Nigeria e liberata in Somalia dopo molti mesi di  prigionia. Mi sono domandato perché tanto odio nei confronti di questa donna.  Ne ho cercato le ragioni che ho trovato forse in alcune analisi  e ricostruzioni di questo ed altri sequestri  con protagonisti diversi.  Certo la cronaca di questi fatti attiene a fenomeni politici, economici  , culturali e religiosi. E si  esprime  nell’animo, nel cuore,  nella ragione  dei protagonisti.  Nel caso di rapimenti e dei comportamenti  che rivelano questi avvenimenti a lungo  si è discusso nella storia delle nostre società .  Governi di ogni colore politico e in ogni latitudine, anche se a volte non lo hanno dato a vedere, hanno sempre pagato riscatti per salvare vite umane. Li hanno pagati per liberare uomini e donne.  Quello che è sgradevole nella vicenda di Silvia Romano  che tutti si siano arrogati il diritto di “ sapere” che cosa “ deve “ pensare una ragazza  trattenuta in ostaggio  da sequestratori. Che tutti abbiano potuto dire la loro senza sobrietà  arrivando ad eccessi di “presunzione” di fronte ad una ragazza che ha voluto tenere , fin dal primo momento un profilo basso . Malgrado ciò ha ricevuto sui social  ingiurie e minacce.

Dunque il sessismo nel linguaggio e  nei social  che aizzano questo linguaggio . Sono stati  trenta anni di televisione  che hanno preparato questo linguaggio. La televisione, quella privata a cui si è accodata quella pubblica, frammentando il linguaggio  ha contribuito a sdoganare  quel fenomeno sui social  che attraverso un particolare modo di esprimersi  ( a volte irritante ma sempre più spesso offensivo  e persecutorio ) che riduce la donna a sessismo.

Questo è un paese spietato .Un paese in cui viene disprezzata la vita  umana, ignorata la bellezza  donata dalla natura e costruita  fa generazioni e generazioni di uomini e donne che hanno espresso emozioni e dato vita a capolavori  visivi, costruttivi  imponenti.  Figuriamoci se riesce ad arrestarsi davanti ad un fenomeno  come il sessismo che viene alimentato continuamente lacerando  la vita  di molte di loro. Abbiamo richiamato il caso di Silvia Romano perché emblematico del comportamento di due accese “ tifoserie” perché di questo si tratta  che disputano a favore e contro un oggetto :una donna.

Questo è un paese che non sa stare in silenzio, non sa rimboccarsi le maniche al momento giusto, tenere i piedi per terra e cercare di progredire. Figuriamoci se riesce a prendere in considerazione ruoli  importanti come quelli che svolgono le donne all’interno delle famiglie, nel mondo del lavoro.

Questo è un paese di contese ideologiche inutili in un momento in cui le ideologie sono state sotterrate da decenni di litigiosità politica in cui l’ideologia era loa scusa e il tornaconto era l’effettiva cifra delle discussioni .

Questo è il paese in cui  non sembra ma  c’è un sessismo ancora più subdolo  ed è quello del disconoscimento delle pari opportunità  e delle differenze di genere che  costano alla donna  prezzi  molto alti  e contro il quale bisogna combattere  con ogni strumento perché  rappresenta veramente  la svolta in quel cambiamento che in questo periodo si invoca ( ma che alla pari con tutti gli altri resta al palo con il terribile destino  di “ occasione mancata” ancora una volta  nella storia di questo paese ). Un discorso lungo e difficile perché sulla carta e nelle parole  sembra trovare rispetto ed accoglienza ma in realtà sembra  disconoscere il  grande dibattito, per cominciare , appunto,  sul tema delle pari opportunità e del genere  che oscilla tra  determinismo e costruttivismo

Questo dibattito  classico  sulle  differenze di genere  le definisce  generalmente secondo due orientamenti. Matrice Determinista che richiama tutte quelle posizioni che hanno ritenuto che la  mascolinità e la femminilità fossero delle dimensioni naturali dell’individuo, immodificabili perché originate dalle caratteristiche anatomiche e ormonali. Matrice Costruttivista che  richiama tutte quelle posizioni secondo cui le differenze di genere sono invece frutto di una costruzione storico sociale, cioè di una stratificazione di significati e di idee accumulate si nel corso del tempo.

Lo sforzo è dunque quello di  inquadrare  dentro questo  dibattito la vera   lotta contro gli stereotipi di genere che è una lotta trasversale e coinvolge interventi specifici e settoriali relativi:

  • alla divisione dei ruoli nell’ambito delle famiglie con le immediate ricadute sulle politiche che si possono mettere in campo relativamente alla conciliazione,
  • alle diverse opportunità formative, occupazionali e di carriera professionale ed alle differenze retributive,
  • allo sviluppo di un ambiente che offra parità di opportunità e condizioni alle imprese governate da imprenditrici e da imprenditori.

Un’attenzione agli stereotipi  che deve favorire  anche l’obiettivo di contrastare la violenza di genere, che nelle discriminazioni e nei pregiudizi trova alimento e favorire l’integrazione dei cittadini e delle cittadine di origine straniera è anch’essa una delle

risorse necessarie per lo sviluppo economico del paese . (3)

(1)Lorenzo Gasparrini è blogger, attivista antisessista e dottore di ricerca in Estetica. Ha collaborato con le cattedre di Estetica della facoltà di Filosofia dell’Università Sapienza di Roma, della facoltà di Architettura e Design Industriale di Camerino e nel corso di laurea in Restauro e Conservazione dei BB.CC. di Narni. Per la facoltà di Scienze Umanistiche di Sapienza di Roma, è stato professore a contratto di Informatica; ha svolto lavori di ricerca per il Dipartimento di Scienze della Formazione dello stesso ateneo. I suoi interessi sono il linguaggio comune tra estetica e letteratura, il rapporto tra funzionalità e bellezza nell’architettura e nel design, lo studio dei media e degli stereotipi sessisti nel linguaggio e nelle immagini.

(2) http://www.askanews.it/video/2020/06/26/sessismo-e-razzismo-morelli-e-cremonini-dominano-lestate-social-20200626_video_15014886/

(3) Alma Laurea, Il profilo dei laureati 2007

, Alma Laurea 2008, sito www.almalaurea.it/università.

Barbera M., Il nuovo diritto antidiscriminatorio, 2007, Giuffrè Milano.

Beccalli B., “Differenza differenze”, in Melucci A., (a cura di), Fine della Modernità

?,1998, Guerini, Milano

Beccalli B., “Identità di genere e rappresentanza politica”, 2008, in Partecipazione e

Conflitto, n. 0.

Bonacchi G., Groppi A., Il dilemma della cittadinanza,1993, Laterza, Bari.

Bourdieu P., Il dominio maschile, 1998, Feltrinelli, Milano

Bruni A., Gherardi S., Studiare le pratiche lavorative, 2007, Il Mulino, Bologna

Butler J., Scambi di genere.Identità, sesso e desiderio, 1990, Sansoni, Milano

Chodorow N., La funzione materna : psicanalisi e sociologia del ruolo materno, La

Tartaruga, Milano, 1991

Connell R., Questioni di genere, Il Mulino, Bologna 2006.

Foucault M., La volontà di sapere , 1978, Feltrinelli, Milano,.

Foucault M., Microfisica del potere , 1977, Einaudi, Torino.

Lyotard J.F., La condizione postmoderna , 1979, Milano, Feltrinelli

Nannicini A., a cura di, Le parole per farlo, donne al lavoro nel postfordismo, 2002,

Derive e Approdi, Roma.

Piccone Stella S., Saraceno C., a cura di, Genere,La costruzione sociale del femminile e del maschile, Il Mulino., Bologna 1996

.

Valter Marcone

Commenti

commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito Web utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu lo accetti, ma puoi disattivarlo se lo desideri. Accetto Leggi di più