LA CONOSCENZA RENDE LIBERI
Ultime Notizie

L’AMORE PROLUNGATO DI SE’: LA CONFLUENZA CON IL MATERNO-DOTT.SSA ANTONELLA FORTUNA

700

Redazione-Un tipo d’amore nevrotico che si verifica spesso al giorno d’oggi, riguarda uomini che nel loro sviluppo emotivo sono rimasti legati alla madre in modo infantile. Si tratta di uomini che non si sono mai distaccati da lei. Questi uomini sono ancora come bambini; vogliono la protezione della madre, il suo amore, la sua tenerezza, le sue cure e la sua ammirazione; vogliono l’amore materno incondizionato, un amore che gli è dato per la sola ragione che essi ne hanno bisogno, che sono i figli della mamma e che sono indifesi. Tali uomini sono spesso affettuosi e pieni di fascino quando cercano di indurre una donna ad amarli, e anche dopo esserci riusciti. Ma i loro rapporti con la donna (come pure col prossimo in genere) restano superficiali e irresponsabili. Il loro scopo è quello di essere amati, non di amare. C’è di solito una notevole componente di vanità in questo tipo d’uomo, e non di rado idee grandiose più o meno nascoste. Se trovano la donna giusta si sentono sicuri, sentono di avere il mondo in pugno e sprigionano affetto e fascino, e questa è la ragione per cui spesso sono una delusione. Ma quando, dopo un certo tempo, la donna cessa di appagare le loro fantastiche aspirazioni, conflitti e risentimenti cominciano a manifestarsi. Se la donna non è sempre in ammirazione davanti a loro, se pretende di vivere una vita sua, se vuole essere amata e protetta lei stessa e, in casi estremi, se non acconsente a perdonargli relazioni amorose con altre donne (o anche ad avere interesse o ammirazione per esse), l’uomo si sente profondamente offeso e deluso, e di solito giustifica il proprio stato d’animo dicendo che la donna ” non lo ama, è egoista o tirannica”. Tutto ciò che esula dall’atteggiamento di una madre amorosa verso il figlio adorato è interpretato come prova di mancanza d’amore. Questi uomini, di solito, confondono il proprio affetto, il proprio desiderio di piacere, con l’amore autentico, e così arrivano alla conclusione di essere trattati ingiustamente; si credono degli amanti perfetti e si lamentano amaramente per l’ingratitudine della loro compagna.

In rari casi, la donna amata come madre può non arrecare alcun danno al soggetto. Se la madre, infatti, lo amava in modo protettivo (magari essendo possessiva, ma non distruttiva), se trova una moglie dello stesso tipo materno protettivo, se le sue particolari qualità gli permettono di usare il fascino di cui è dotato e di essere ammirato (come talvolta nel caso di brillanti uomini politici), egli è ben sistemato” nel senso sociale, senza però mai raggiungere un più alto livello di maturità. Ma in condizioni meno favorevoli e queste sono naturalmente più frequenti la sua vita amorosa, se non quella sociale, sarà una seria delusione; conflitti, e spesso intensa ansia e depressione sorgeranno non appena il soggetto in questione è lasciato solo. In una forma patologica ancora più grave l’attaccamento alla madre è più profondo e più irrazionale. A questo stadio il desiderio non è, simbolicamente parlando, di tornare tra le braccia protettive della madre, e nemmeno al suo seno, ma nel suo grembo che tutto riceve e tutto distrugge. Se la natura ha disposto che si esca dal grembo per entrare nel mondo, tale stortura fa sì che si sia attratti dal grembo

il che significa sfuggire alla vita.

Commenti

commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.