Ultime Notizie

“LA BEFANA NON VA IN PENSIONE!”-DOTT.SSA STELLA CHIAVAROLI

2.414

 

Viene viene la Befana,
vien dai monti a notte fonda.
Come è stanca! la circonda
neve, gelo e tramontana.
Viene viene la Befana.

           (Giovanni Pascoli)

 

Redazione-La Befana, simbolo di una vecchietta dal naso lungo, il mento aguzzo ed un sacco pieno di doni, anche quest’anno non va in pensione! E’ povera, ma vola con la sua scopa economica sui comignoli delle case per portare i doni ai bambini buoni, ma anche cenere e carbone tra caramelle e cioccolata!

Ma chi è questa Befana? La Befana ha tradizioni precristiane. Il termine ha origini Greche e significa “manifestazione” “apparizione”. Con lei si chiudono le festività natalizie e il ritorno alla vita di tutti i giorni.

La calza della befana con i suoi doni, auspica l’inizio di un nuovo anno per lasciare l’anno vecchio nella cenere bruciata.

La tradizione cristiana, racconta la storia della Befana come a quella vecchietta incontrata dai tre Re Magi (Baldassare, Gaspare e Melchiorre) durante il loro viaggio verso la grotta di Betlemme ed a cui chiesero informazioni sulla strada da percorrere (che avevano smarrito) per raggiungere Gesù Bambino. La vecchietta (Befana), pur invitata con insistenza dai Re Magi ad unirsi a loro, rifiutò. Subito dopo si pentì e si mise in cammino con un sacco pieno di doni nella speranza di raggiungere i Re Magi e portare degli omaggi a Gesù Bambino. Purtroppo la Befana non vi riuscì, così iniziò a distribuire doni in tutte le case dove c’erano i bambini, sperando di incontrare il piccolo Gesù.

Grandi e piccoli oggi aspettano la Befana con poesie e canzoncine di accoglienza!

La Befana, non resta sul tetto a guardare, ma scende nelle case per portare gioia, unione ed allegria! Come ci ricorda la poesia sulla Befana di Giovanni Pascoli che quasi tutti noi ne abbiamo imparato a memoria i primi versi, la Befana rivolge il suo sguardo verso tutti i dolori latenti, ma anche verso le ricchezze umane e la solidarietà!

Una Befana che si presenta brutta nell’aspetto, ma tanto bella nei principi! Forse ci vuole lasciare il principio della bellezza interiore da auspicare come valore costante per il 2018 e non solo! Perché i valori non vanno mai in pensione!

Buona Befana!

.

Commenti

commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.