Ultime Notizie

E LA PAROLA SI FECE CARNE (QUINTA PARTE)

0

Redazione- Per questa lunga rassegna,in occasione delle festività natalizie 2021 sulle composizioni poetiche e musicali che parlano della Natività ho trascritto e commentato,nelle parti precedenti, poesie medievali e dei secoli successivi secondo un iter storico che vuole mettere in evidenza, appunto per ogni secolo, alcune tappe importanti che rappresentano il sentimento e la visione del tempo su questa particolare festività del mondo cristiano. Composizioni che variano di secolo in secolo secondo una sensibilità che li rappresentano.

Per questa quarta parte mi limito a presentare una sola composizione “Quanno nascette Ninno”, anche per la sua lunghezza ( testo in dialetto napoletano e relativa traduzione )e complessità . E’ una poesia e un canto scritto da Sant’Alfonso Maria de’ Liguori in dialetto napoletano. Costretto a sospendere le sue attività per un riposo forzato a Ravello in provincia di Salerno ,il santo vescovo volle proprio scrivere questa sua composizione in dialetto napoletano perchè fosse ancora più comprensibile a tutti. Altre fonti dicono che sia stato scritto a Deliceto o a Nola

Il brano, conosciuto anche come “Pastorale”, fu scritto nel dicembre del 1754 a Deliceto (FG) o a Nola (NA) da Sant’Alfonso Maria De’ Liguori, considerato il primo ad usare la lingua napoletana per un canto religioso..Racconta la nascita di Gesù, prendendo spunto dalla narrazione proposta dal Vangelo di Luca. Inizialmente la canzone era identificata come “Per la nascita di Gesù”, titolo con il quale fu pubblicata nel 1816. Qualche anno più tardi, lo stesso autore compose anche “Tu scendi dalle stelle” che, di fatto, è la versione italiana del più antico “Quanno nascette Ninno”.

Del brano, rivalutato e riscoperto nella seconda metà del Novecento, è giunto fino ai giorni nostri sicuramente con varie modifiche rispetto alla versione originale. Dopo la prima edizione, “Quanno nascette Ninno” ha subito varie riedizioni e modifiche, una delle quali ad opera di Marco Frisina a. È stato, inoltre, interpretato da vari cntanti italiani di musica popolare e cori , fra cui Mina, Edoardo Bennato, Pina Cipriani, Piccolo coro dell’Antoniano .

Nel 1931, Eduardo De Filippo omaggia l’opera del santo citandone la canzone in “Natale in casa Cupiello”.

Le prime strofe raccontano e descrivono in modo generale la nascita di Gesù come il mondo a causa di questo evento particolare, si trasforma («Co tutto ch’era vierno, Ninno bello, / Nascetteno a migliara rose e sciure. / Pe ‘nsí o ffieno sicco e tuosto / Che fuje puosto – sott’a Te, / Se ‘nfigliulette, / E de frunnelle e sciure se vestette.»).
Le strofe dalla sei alla dieci raccontano, seguendo quanto è scritto nel Vangelo di Luca , al quale vengono aggiunti particolari fantasiosi, l’annuncio degli Angeli ai pastori, i quali, dopo esser venuti a conoscenza della nascita di Gesù, s’affrettarono ad andarlo a trovare. Nelle strofe che seguono, il testo è in prima persona e parla di pentimento dei propri peccati e di come, nonostante i sacrifici di Gesù, si continui a peccare.

Alfonso Maria de’ Liguori nacque in Napoli, nel sobborgo Marianella, il 27 settembre 1696, da famiglia di buona nobiltà napoletana. Educato dagli oratoriani di S. Filippo Neri, si addottorò in legge, ed esercitò per alcuni anni la carriera forense. Ma a ventisett’anni, alla fine di ottobre dello

anno 1723, vestì l’abito talare e iniziò gli studi teologici, probabilmente sotto la guida del canonico Giulio Torni, autore di note ai Commentaria in quatuor libros sententiarum di Guglielmo Estio (W. Hessel van Hest).

Il Dizionario Treccani che la sua attività di religioso si svolse in Napoli “per lo più operava egli nel mercato e nel lavinaro”. Le viuzze della conceria, le piazze poste nelle vicinanze di qualche chiesa, trasformate in centri di adunanze religiose – le cosiddette “cappelle” – offrirono i primi temi di analisi al prossimo riformatore e formatore di coscienze. Le persone che vi convenivano “non erano nobili, ma lazzari, saponari, muratori, barbieri, falegnami, ed altri operai; ma quanto più erano dell’infima condizione tanto maggiormente venivano abbracciati da Alfonso”. Da Napoli l’azione si estende nelle provincie del Regno: il cardinale Pignatelli gli assegna dei sacerdoti, in aiuto. Con questi il lavoro isolato si rafforza, assume la forma tipica della sua predicazione: la missione popolare.

Da una di queste missioni, data ad un folto gruppo di caprai sulle colline di S. Maria ai Monti, presso Scala, nacque l’idea della sua Congregazione. Mentre predicava in un monastero della cittadina, una suora, Maria Celeste Crostarosa, rivelò di aver visto “in spirito.., una nuova congregazione di preti tutta sollecita di aiutare milioni di anime; e… tra questi Alfonso che presiedeva a tutti”. Sorsero incertezze, critiche, ironie, per oltre un anno, finché il designato, fatto certo della vocazione dal parere di uomini illuminati, tra i quali il suo direttore spirituale T. Falcoia, iniziò il suo istituto, il 9 nov. 1732. Oggi è noto col nome di Congregazione del SS. Redentore.

Fu vescovo di Sant’Agata de’Goti dal 1762 al 1775, titolare di una diocesi di fondazione antichissima, e comunque di sicuro esistente nel 970 d.C., quando l’arcivescovo di Benevento Landolfo I vi insediò il vescovo Maldefrido.

Famoso per l’aver scritto più di un centinaio di opere di meditazione e di ascetica, sia di taglio popolare come “Apparecchio alla morte”, con cui invitava a prepararsi alla vita di lassù (papa Luciani ne discusse con il suo segretario la sera prima di morire!), sia assai dotte come la ponderosa “Theologia moralis” (non a caso papa Pio XII nel 1950 gli affidò la tutela dei teologi moralisti), sant’Alfonso Maria de’ Liguori mostrò sempre una posizione di grande equilibrio e prudenza, priva di eccessi rigoristici. Anche per questa sua capacità di comprensione la sua popolarità fu immensa. E così fu anche a Sant’Agata, dove Clemente XIII lo volle vescovo nel 1762 (qualcuno dice contro la volontà dell’ormai anziano sacerdote sessantaseienne). ( 1) .

(1)https://www.bandierearancioni.it/approfondimento/alfonso-maria-de-liguori-il-santo-di-santagata-degoti

La sua fama di santità era tale che venne beatificato già nel 1816 e canonizzato nel 1839, mentre papa Pio IX nel 1871 lo proclamò “Dottore della Chiesa”, titolo concesso a chi ha mostrato particolari doti di illuminazione della dottrina e finora attribuito solamente a 36 santi. Fra chi ha prediletto sant’Alfonso c’è anche Benedetto XVI, che gli dedicò un’intera udienza nel 2011, affermando che “ha dato importanza agli affetti e ai sentimenti del cuore, oltre che alla mente, per poter amare Dio e il prossimo”.

Il testo originale del canto non è giunto sino a noi per intero, e diverse sono le versioni oggi cantate. La versione oggi più conosciuta è la seguente:

Quanno nascette Ninno a Bettlemme

Era notte e pareva miezo juorno.
Maje le Stelle – lustre e belle Se vedetteno accossí:
E a chiù lucente
Jette a chiammà li Magge ‘a ll’Uriente.

De pressa se scetajeno ll’aucielle
Cantanno de na forma tutta nova:
Pe ‘nsí agrille – co li strille,
E zompanno accà e allà;
È nato, è nato,
Decevano, lo Dio, che nc’ha criato.

Co tutto ch’era vierno, Ninno bello,
Nascetteno a migliara rose e sciure.
Pe ‘nsí o fieno sicco e tuosto
Che fuje puosto – sotto a Te,
Se ‘nfigliulette,
E de frunnelle e sciure se vestette.

A no paese che se chiamma Ngadde,
Sciurettero le bigne e ascette ll’uva.
Ninno mio sapuritiello,
Rappusciello – d’uva – sì Tu;
Ca tutt’amore
Faje doce a vocca, e po ‘mbriache o core.

No ‘nc’erano nemmice pe la terra,
La pecora pasceva cu ‘o lione;
Cu ‘o capretto – se vedette
‘O liupardo pazzeà;
Ll’urzo e ‘o vitiello
E co lo lupo ‘n pace ‘o pecoriello.

S’arrevotaje ‘nsomma tutt’o Munno,
Lu cielo, ‘a terra, ‘o mare, e tutt’i gente.
Chi dormeva – se senteva
‘N pietto ‘o core pazzeà
Pe la priezza;
E se sonnava pace e contentezza.

Guardavano le pecore ‘i Pasturi,
E n’Angelo sbrannente chiù dô sole
Comparette – e lle dicette:
No ve spaventate no;
Contento e riso
La terra è arreventata Paraviso.

A vuie è nato ogge a Bettalemme
Dô Munno ll’aspettato Sarvatore.
Dinto ‘i panni ‘o trovarrite,
Nu potite maje sgarrà,
Arravugliato,
E dinto a lo Presebbio curcato.

A meliune ll’Angiule calate
Co chiste se mettetteno a cantare:
Gloria a Dio, pace ‘n terra,
Nu chiù guerra – è nato già
Lo Rre d’ammore,
Che dà priezza e pace a ogne core.

Sbatteva ‘o core ‘n pietto a ssi Pasture;
E ll’uno ‘n faccia a ll’auto diceva:
Che tardammo? – Priesto, jammo,
Ca me sento scevolí
Pe lo golìo
Che tengo de vedé sso Ninno Dio.

Zompanno, comme ‘a ciereve ferute,
Correttero ‘i Pasture a la Capanna;
Là trovajeno a Maria
Co Giuseppe e a Gioja mia;
E ‘n chillo Viso
Provajeno no muorzo e Paraviso.

Restajeno ‘ncantate e boccapierte
Pe tanto tiempo senza dì parola;
Po jettanno – lacremanno
Nu suspiro pe sfocà,
Da dinto ‘o core
Cacciajeno a migliara atte d’ammore.

Co ‘a scusa de donare li presiente
Se jetteno azzeccanno chiano chiano.
Ninno no li refiutaje,
Ll’azzettaje – comme a dì,
Ca lle mettette
Le mane ‘n capo e li benedicette.

Piglianno confedenzia a poco a poco,
Cercajeno licenzia a la Mamma:
Se mangiajeno li Pedille
Co ‘i vasille – mprimmo, e po
Chelle Manelle,
All’urtemo lo Musso e ‘i Mascarielle.

Po assieme se mettetteno a sonare
E a cantà cu ll’Angiule e Maria,
Co na voce – accossí doce,
Che Giesù facette: ah aah…
E po chiudette
Chill’uocchie aggraziate e s’addormette.

La ninna che cantajeno me pare
Ch’avette a esse chesta che mo dico.
Ma ‘nfrattanto – o la canto,
Macenateve de stà
Co li Pasture
Vecíno a Ninno bello vuje pure.

“Viene suonno da lo Cielo,
Viene e adduorme sso Nennillo;
Pe pietà, ca è peccerillo,
Viene suonno e nun tardà.

Gioia bella de sto core,
Vorria suonno arreventare,
Doce, doce pe te fare
Ss’uocchie bell’addormentà.

Ma si Tu p’esser’amato
Te si fatto Bammeniello,
Sulo amore è o sonnariello
Che dormire te po fa.

Ment’è chesto può fa nonna,
Pe Te st’arma è arza e bona.
T’amo, t’a… Uh sta canzona
Già t’ha fatto addobeà!
T’amo Dio – Bello mio,
T’amo Gioja, t’amo, t’a…

Cantanno po e sonanno li Pasture
Tornajeno a lle mantre nata vota:
Ma che buò ca cchiù arrecietto
Non trovajeno into a lu pietto:
A ‘o caro Bene
Facevano ogne poco ‘o va e viene.

Llo ‘nfierno sulamente e ‘i peccature
Ncocciuse comme a isso e ostinate
Se mettetteno appaura,
Pecchè a scura – vonno stà
Li spurtegliune,
Fujenno da lo sole li briccune.

Io pure songo niro peccatore,
Ma non voglio esse cuoccio e ostinato.
Io non voglio chiù peccare,
Voglio amare – voglio stà
Co Ninno bello
Comme nce sta lo voje e l’aseniello.

Nennillo mio, Tu si sole d’ammore,
Faje luce e scarfe pure ô peccatore
Quanno è tutto – niro e brutto
Comme ‘a pece, tanno cchiù
Lo tiene mente,
E ‘o faje arreventà bello e sbrannente.

Ma Tu me diciarraje ca chiagniste,
Acciò chiagnesse pure ‘o peccatore.
Aggio tuorto – aie, fosse muorto
N’ora primma de peccà!
Tu m’haje amato,
E io pe paga t’aggio maltrattato!

A vuje, uocchie mieje, doje funtane
Avrite a fa de lagreme chiagnenno
Pe lavare – pe scarfare
Li pedille de Giesù;
Chi sa pracato
Decesse: via, ca t’aggio perdonato.

Viato a me si aggio sta fortuna!
Che maje pozzo chiù desiderare?
O Maria – Speranza mia,
Ment’io chiango, prega Tu:
Penza ca pure
Si fatta Mamma de li peccature.[

Traduzione italiana :

Quando nacque il Bambino a Betlemme
Era notte e sembrava mezzogiorno.
Mai le Stelle luccicanti e belle
Si videro così:
E la più lucente
andò a chiamare i Magi ad Oríente.

Subito si svegliarono gli uccelli
Cantando in una forma tutta nuova:
Persino i grilli con gli strilli,
saltando di qua e di là;
È nato, è nato,
Dicevano, il Dio, che ci ha creato.

Nonostante fosse inverno, Bambino bello,
Spuntarono migliaia di rose e di fiori.
Persino il fieno secco e tosto
Che fu posto sotto di Te,
S’ingemmò,
E di fronde di fiori si rivestì.

In un paese che si chiama Engaddi,
Fiorirono le vigne e spuntò l’uva.
Bambino mio, così saporito,
Grappolino d’uva sei Tu;
Che tutto amore
Fai dolce la bocca, e poi ubriachi il cuore.

Non c’erano nemici per la terra,
La pecora pascolava con il leone;
Con le caprette si vide
Il leopardo giocare;
L’orso e il vitello
E con il lupo in pace l’agnellino.

Si rivoltò insomma tutto il Mondo,
Il cielo, la terra, il mare, e tutte le genti.
Chi dormiva si sentiva
Nel petto il cuore saltare
Per l’allegria;
E si sognava pace e contentezza.

Guardavano le pecore i Pastori,
E un Angelo splendente più del sole
Comparve e disse loro:
Non vi spaventate, no!
C’è felicità e riso:
La terra è divenuta Paradiso.

Per voi oggi a Betlemme è nato
L’atteso Salvatore del Mondo.
Lo troverete, non potete sbagliarvi,
Avvolto nelle fasce
E adagiato nella mangiatoia

Milioni gli Angeli calarono
Con questi si misero a cantare:
Gloria a Dio e pace in terra,
Non più guerra – è nato già
Il Re d’amore,
Che dà allegrezza e pace a ogni cuore.

Sbatteva il cuore in petto ai Pastori;
E l’uno all’altro diceva:
Perché aspettiamo? – Presto, andiamo
, Ché me sento venir meno
Il desiderio
Che ho di vedere il Dio fattosi bimbo.

Saltando, come cervi feriti,
Corsero i Pastori alla Capanna;
Là trovarono Maria
Con Giuseppe e la Gioia mia;
E in quel Viso
ebbero un assaggio del Paradiso.

Rimasero incantati a bocca aperta,
Per tanto tempo senza dire parola;
Poi fecero – lacrimando –
Un sospiro per dare sfogo ai loro sentimenti.
Dal profondo del cuore
con mille gesti emisero il loro amore.

Con la scusa di offrire doni
Iniziarono ad accostarsi piano piano
Il Bambino non li rifiutò,
Li accettò e mostrò il suo gradimento,
mettendogli loro
Le Mani sul capo e li benedisse.

Prendendo confidenza a poco a poco,
Chiesero il permesso alla Mamma:
Si mangiarono i Piedini
Coi bacetti – prima, e poi
Quelle Manine,
E all’ultimo il Musetto e le Guancine.

Poi assieme si misero a suonare
E a cantare con l’Angelo e Maria,
Con una voce – così dolce,
Che Gesù fece: ah aah…
E poi chiuse
Quegli occhi aggraziati e s’addormentò.

La ninna nanna che cantarono mi pare
Dovesse essere quella che ora dico.
Ma intanto – che io la canto,
Immaginatevi di stare
Coi Pastori
Vicino al Bambino bello.

“Vieni sonno dal Cielo,
Vieni e addormenta questo Bambinello;
Per pietà, ché è piccino,
Vieni sonno e non tardare.

Gioia bella di questo cuore,
Vorrei diventare sonno,
Per farti, dolce, dolce
Addormentare quest’occhi belli.

Ma se Tu per esser amato
Ti sei fatto Bambinello,
Solo amore è quel dolce sonnellino
Che può farti addormentare.

Se è così, puoi fare la nanna,
Per Te quest’anima è bella e arsa.
Ti amo, ti a… uh! questa canzone
Già ti ha fatto addormentare.
Ti amo, Dio, bello mio,
Gioia mia, Ti amo, Ti amo.

Cantando poi e suonando i Pastori
Tornarono alle mandrie un’altra vota:
Ma cosa vuoi? non trovarono
Più riposo nel petto:
Al caro Bene
Facevano ogni poco va e víeni.

L’inferno solamente e i peccatori
Testardi come esso e ostinati
Si misero paura,
Perché nella tenebra vogliono stare
I pipistrelli,
Fuggendo dal sole i bricconi.

Io pure sono un nero peccatore,
Ma non voglio essere duro e ostinato.
Io non voglio più peccare,
Voglio amare voglio stare
Con il Bambino bello
Come ci stanno il bue e l’asinello.

Bambinello mio, Tu sei sole d’amore,
Fai luce e scaldi pure il peccatore
Quando è tutto nero e brutto
Come la pece, tanto più
Lo tieni a mente,
E lo fai diventare bello e splendente.

Ma Tu mi dirai che hai pianto,
Affinché piangesse pure il peccatore.
Ho torto, ahi! fossi morto
un’ora prima di peccare!
Tu m’hai amato,
E io come ringraziamento t’ho maltrattato!

A voi, occhi miei, due fontane
Avrete da fare di lacrime piangendo
Per lavare – per scaldare
i piedini di Gesù;
Chissà che placato
Non mi dica: via, che t’ho perdonato.

Beato me se ho questa fortuna!
Che mai posso più desiderare?
O Maria – Speranza mia,
Mentr’io piango, prega Tu:
pensa che sei pure
divenuta madre anche dei peccatori![4][5]

Commenti

commenti