Ultime Notizie

“IL FOCUS SU DI TE: LA TUA SALVEZZA”-DOTT.SSA ALESSANDRA DELLA QUERCIA

0 5.328

Redazione- Ogni minima cosa che ci troviamo a vivere ha un senso, palese o recondito che sia. Sta a noi, poi, coglierlo e cercare di trarne insegnamento. Nulla avviene per caso. Essere autentici e liberi costa salato perché questi aggettivi sono in netta antitesi con la società odierna. Ma poter esprimersi nella propria interezza e senza filtri è impagabile. Guardare oltre, non lasciarsi mai intrappolare in schemi e apprezzare come un dono meraviglioso tutto ciò che di bello accade: queste sono le tre prerogative imprescindibili.

Il potere della mente è strabiliante e più si ragiona in modo positivo, più si riesce ad arricchire la propria esistenza di energia, colore e sapore. Il segreto sta in quell’abilità, tanto necessaria quanto per molti complicata, di “filtrare”. In una semplice metafora, la spiegazione: l’acqua del mare è formata da sale e impurità che la rendono torbida e inquinata. Quello che conta è il sale, ossia l’essenza, ciò che dà senso e gusto ai nostri giorni. Le sostanze malsane, ossia le situazioni negative e le persone distanti anni luce da noi, oltre ad essere inutili al percorso individuale, possono deteriorare l’anima, sino a spegnerla lentamente. Occorre quindi fare una scrematura e dar reale peso solo a ciò che ne ha davvero, impregnando la mente di quei pensieri e di quelle sensazioni che fanno vibrare e gioire l’io.

Dalla notte dei tempi, due delle innumerevoli perle di Marco Aurelio, più che mai attuali e “sul pezzo”:

“Non passare il tempo che ti resta da vivere pensando a ciò che fanno gli altri, a meno che tu non te ne interessi in vista di qualche utile che possa venirne alla collettività, diversamente trascuri di dedicarti a te stesso solo per almanaccare cosa sta facendo questo, cosa sta dicendo quello, cosa pensa, cosa sta architettando e via di questo passo. Devi impedire che nel flusso della tua mente s’inseriscano pensieri futili e casuali.”

“Prendimi e gettami dove vuoi: manterrò il mio demone sereno, pago di essere e di agire secondo la sua propria natura. Non c’è cosa capace di turbare la mia anima, di avvilirla, umiliarla, calpestarla e spaventarla. O pensi di poter trovare qualcosa che valga tutto ciò?” Concludo questa riflessione con un video

estremamente significativo tratto dal meraviglioso film “L’attimo fuggente”, di cui consiglio vivamente la visione!

Commenti

commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.