Ultime Notizie

ADOLESCENTI MALATI: QUANTO SI TRATTA DI PATOLOGIA E QUANTO DI RICERCA DI SENSO?- DOTT.SSA ANTONELLA FORTUNA

10.547

Redazione-Se chiedessi ad un campione disomogeneo, lungo la strada,: „ Secondo lei, i comportamenti trasgressivi ed antisociali  degli adolescenti sono in aumento?“, la risposta sarebbe positiva per la maggioranza dei casi.Questo è innegabile, lo indicano chiaramente dati, statistiche, cronache ed interpretazioni dei “nuovi copioni di vita dei figli del digitale”, ma siamo in grado, dopo la lettura del dato, di porci le giuste domande ?

Perche’ ci risulta tanto insopportabile tollerare l’incertezza derivante dal non volersi interrogare seriamente e profondamente,  chiedendoci se sempre riusciamo a  comportarci da “adulti  assertivi” e responsabili?

Sarebbe   nostro il compito ( con adolescenti trasgressivi e problematici ) di andare oltre la gestione, la riparazione di esperienze negative per cercare di intuire, comprendere e voler dare significato ai “gesti ed alle parole” che rappresentano modalità disfunzionali  e tradurre se dietro “ una fuga o un’aggressione”, vi si possa celare una richiesta di attenzione piuttosto che un senso di “inadeguatezza ed indegnita’” che l’adolescente puo’ sentirsi addosso come una seconda pelle.

Sappiamo che la trasgressività è fisiologica; serve per darsi delle sfide, per misurarsi, per conoscersi nei limiti e le potenzialita’, ma poi ci sono anche le antisocialità dai connotati cosi impulsivi e grandiosi  e le psicopatie fatte di freddezza e insensibilità nonche’ imperdonabile  irresponsabilità .

Quanto tutto questo e’ patologia e quanto e’ bisogno disperato di trovare “un proprio posto nel mondo”?

Credo che spesso si tratti  di anticipazioni inadeguate di tentare di emulare l’adultita’

E poi si vive tutto come “conflittuale” con la “ paura di disattendere le aspettative” troppo alte, impersonali, standardizzate.

Si aggiungano:

    –  Famiglie multiproblematiche .

–  Stili educativi disfunzionali  e deprivazioni.

–  Abusi di sostanze

Ed il pensiero “dominante” di non “voler perdere” di “ non doversi sottomettere a nessuno” e questa ideologia un po’ schizoide che racchiude il “ disconoscimento dei padri” ed il “ narcisismo esasperato”crea una ostilita’ nei confronti dell’alterita’.

Noi che ci occupiamo delle “relazioni di aiuto” non dovremo stancarci di tentare di “ leggere il simbolismo e la metafora”, interpretare i bisogni e cercare alleanze che non siano “ complicita’ o assenza dell’alterita’ responsabile” ma cercatori di senso in piccole vite apparenti desertificate ed invece tanto inficiate.Vorrei che gli adulti; genitori, insegnanti, educatori, si ricordassero un po’ piu’ spesso di come si sono sentiti quando hanno avuto paura di non farcela o credevano che con la rabbia avrebbero mostrato una forza che non c’era, ecco allora forse potremmo meglio comprendere questi

“adolescenti malati”.

Commenti

commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.