LA CONOSCENZA RENDE LIBERI
Ultime Notizie

LA DISABILITA’ INVISIBILE-DI SANDRA MARCHEGIANI

596

Redazione-A partire dall’incisiva frase di  Gesell (1956):

“Non e’ normale essere sordo, ma i sordi invece sono individui perfettamente normali se noi li aiutiamo a superare i vari problemi del loro handicap. Il nostro scopo dovrebbe essere quello di fare del bambino sordo un individuo equilibrato, capace di affrontare i limiti e i problemi del proprio handicap, e non una brutta copia di un individuo normoudente”.

Ne consegue che per l’Assistente Educativo  è molto importante il rapporto che si instaura con il bambino. Un buon clima relazionale e di accoglienza condiziona, di fatto, non solo il vissuto del singolo soggetto ma influenza anche quello di tutti i familiari.

Attraverso l’udito il bambino riceve informazioni, messaggi emotivi,stabilisce i rapporti sociali,  ha uno strumento importante per lo sviluppo intellettivo. L’O.M.S.(Organizzazione Mondiale della Sanità), definisce il bambino ipoacusico,come colui la cui mancanza di udito non gli permette di imparare la sua lingua, di partecipare alle normali attività tra educandi ed educatori.

La disabilità invisibile, vede i non udenti e gli ipoudenti come quei soggetti non sempre riconoscibili e per questo spesso, non sempre ricevono attenzioni da parte degli  udenti.

L’handicap causato dalla sordità risulta “nascosto”,  invisibile ad uno sguardo superficiale.  Esso è  riconoscibile solo al momento della comunicazione, in cui ci si mette in relazione con l’altra persona. Nella società, le persone sorde, spesso non ricevono  quelle attenzioni e quella disponibilità necessaria a farli sentire autorealizzati,  sicuri di sé e accettati.

A scuola e in famiglia spesso vengono giudicati negativi gli atteggiamenti di chiusura e irritabilità, senza tener conto che non è la sordità in sé a rendere questi ragazzi diffidenti, aggressivi e polemici, ma lo scontro quotidiano con le barriere che impediscono la comunicazione.  La famiglia è la prima agenzia educativa  su cui iniziare il percorso di aiuto e di assistenza psico-socio-educativa e non ultimo di comunicazione. La scuola,seconda agenzia, in cui il processo educativo  non è  solo trasmissione del sapere e apprendimento,   ma quell’ambiente di  socializzazione e di trasmissione del far sentire a proprio agio,compresi e aiutati a  vivere una situazione di collaborazione e di armonia tra il bambino,i compagni e gli insegnanti.

La disabilità uditiva, dunque, merita una viva riflessione dentro quanto non è visibile  ad occhio nudo ma da quanto  radicato nella sfera affettivo relazionale. Va evidenziata l’importanza di una comunicazione empatica ed efficace  senza prescindere dal vissuto dell’ipoacusico, dalla sua storia familiare,riabilitativa e sociale. E’ con questi presupposti  che l’aiuto portato verso la disabilità invisibile  in campo educativo  fa echeggiare  la frase di Helen Keller, quando  disse  : “sono sorda e cieca: I problemi della sordità sono più profondi e più complessi anche se non più seri di quelli della cecità”. In questo senso, l’Assistente Educativo ha anche come scopo principe

l’assistenza di comunicazione.

Commenti

commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.